Ministero della Salute, pubblicato il rapporto sulla spesa per i dispositivi medici

Il Ministero della Salute rende disponibili i dati relativi alla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche del SSN per l’acquisto di dispositivi medici nel primo semestre 2014.

I rapporti sulla spesa costituiscono strumenti idonei al governo dell’innovazione del settore dei dispositivi medici per soddisfare le necessità informative degli operatori del SSN e di tutti gli attori interessati alla conoscenze dei fenomeni sanitari.

Il documento semestrale ha l’obiettivo di aggiornare le principali analisi presenti nel Rapporto annuale 2013, presentando una descrizione sintetica della spesa e dei consumi di dispositivi medici acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche del SSN durante i primi sei mesi del 2014, evidenziandone, dove utile, l’evoluzione rispetto ai dati riferiti al primo semestre 2013.

Nel primo semestre del 2014 la spesa rilevata è stata pari a 1.711 milioni di euro, segnando un aumento del 34% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (1.276 milioni di euro).

Spesa rilevata nel primo semestre del 2014

Relativamente ai primi sei mesi del 2014, hanno trasmesso i dati circa il 95% delle Aziende Sanitarie a livello nazionale rispetto al 92% rilevato per lo stesso periodo dell’anno 2013. Il numero di Aziende Sanitarie che hanno trasmesso i dati nel primo semestre del 2014 è quindi sensibilmente migliorato, attestandosi praticamente al 100% negli ultimi 3 mesi del semestre (aprile, maggio e giugno) per tutte le regioni, eccetto la Sardegna che non trasmette ancora dati.
Le fonti dei dati utilizzati per la redazione del rapporto semestrale sono:

  1. la Banca Dati e Repertorio dei dispositivi medici 1 in Italia (RDM), aggiornato al 18 dicembre 2014;
  2. il Flusso informativo per il monitoraggio dei consumi dei dispositivi medici direttamente acquistati dal Servizio sanitario nazionale (Flusso Consumi), aggiornato al 18 dicembre 2014;
  3. i Nuovi modelli di rilevazione economica «Conto economico» (CE) delle aziende del Servizio sanitario nazionale delle aziende sanitarie, aggiornati al 19 settembre 2014.

.Nel corso dei primi sei mesi del 2014 la spesa rilevata nel Flusso Consumi risulta aumentata in 17 Regioni (Figura 1): Piemonte (>+ 100%), Lombardia (+6%), la P.A. Bolzano (+11%), Veneto (+11%), Fiuli V.G. (+10%), Emilia Romagna (+5%), Toscana(+13%), Lazio (>+109%), Umbria (+75%), Campania (+42%), Marche (+58%), Abruzzo (+80%) , Campania (+12%) , Basilicata (+6%), Calabria (+41%), Sicilia (+17%) e Puglia (+ 98%) , mentre è diminuita in altre Valle D.A. (-19%), Liguria (-1%) e Molise (-4%); la Regione Sardegna, nel periodo considerato, non ha trasmesso alcun dato. Il numero di Aziende Sanitarie che hanno trasmesso i dati nel primo semestre del 2014 è sensibilmente migliorato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi praticamente al 100% negli ultimi 3 mesi del semestre (aprile, maggio e giugno) praticamente per tutte le regione eccetto la Sardegna (Figura 2). Da un punto di vista della numerosità dei codici di repertorio rilevati nelle diverse Regioni, per 18 Regioni si registra un aumento del numero di codici di reperorio distinti rilevati nel primo semestre 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno 2013 (Figura 6). La Lombardia, con 31.656 codici, è la Regione nella quale si rileva la numerosità maggiore, seguono l’Emilia Romagna con 21.349 codici e il Veneto con 20.548 codici rilevati nel primo semestre 2014.

Leave a Comment