Riduzione dei posti letto penalizza l’assistenza sanitaria nel Nord Sardegna

“Non possiamo non rilevare e registrare la diffusa preoccupazione di operatori sanitari e cittadini per la bozza della delibera che definisce i posti letto delle strutture ospedaliere in Sardegna che prevede un taglio pesante dei posti letto di medicina, chirurgia e lungodegenza al Santissima Annunziata” così scrive il Segretario Provinciale del Pd Gianpiero Cordedda in una lettera aperta al Presidente Pigliaru e all’Assessore Arru firmata insieme ai Segretari cittadini di Sassari Gianni Carbini di Alghero Mario Salis e di Ozieri Giuseppina Sanna.
“Colpisce ancora di più perché nei mesi scorsi l’Assessore Arru aveva incontrato a Sassari nella sede del PD gli operatori sanitari dando precise garanzie e assumendo precisi impegni che purtroppo potrebbero essere disattesi.”
“Siamo consapevoli che la delibera prevede un periodo di 3 anni entro i quali raggiungere i risultati, ma il dato finale porta ad una riduzione che penalizza l’assistenza sanitaria del Nord Sardegna.
“28 posti letto in meno in Chirurgia generale, 20 in meno di medicina e 26 in meno di lungodegenza solo a Sassari, cui si aggiungono i tagli ad Alghero ed a Ozieri costituiscono un conto da pagare per il Mater Olbia, che ricade o ricadrebbe tutto sul Nord Ovest della Sardegna e non come aveva garantito il Presidente Pigliaru nel rappresentarla come un’eccellenza regionale, su chi aveva più posti letto. Al Nord per 500mila abitanti (tra Sassari e Olbia) ci sono 50 posti di lungodegenza (neanche uno all’ospedale di Sassari) contro i 133 di Cagliari per 560mila abitanti con la certezza di aumentare le barelle nei reparti, di rendere impossibili le dimissioni dei pazienti dai reparti di medicina o di aumentare i ricoveri impropri. Alla positiva costruzione di una rete riabilitativa di eccellenza non può corrispondere un taglio della lungodegenza che si riflette su altre patologie e pazienti dei reparti per acuti. E non è il solito tema di: “ Sassari contro Cagliari”. Come si conciliano i 34 posti di lungodegenza per tutta la ex Asl 1, situati a Ittiri e Thiesi e non a Sassari, contro i 34 dell’Ogliastra e i 22 del Sulcis? Inoltre non sono da dimenticare i ridimensionamenti poco comprensibili come i 9 posti letto a Sassari per la gastroentorologia contro i 12 del Mater Olbia e i 46 di Cagliari o il declassamento della patologia chirurgica.
Sappiamo che l’ospedale di Sassari è un Ospedale di eccellenza, e sulla carta dovrebbero essere gli ospedali di Alghero e Ozieri che attendono di sapere il loro futuro di Ospedale unico a svolgere l’attività ordinaria, e Ittiri e Thiesi a garantire la lungodegenza, ma la realtà è un’altra, sia sul piano del fabbisogno dei cittadini che su quello organizzativo. Preoccupa che ATS continui a comportarsi come se gli ospedali di eccellenza non siano dei veri Hub ma dei competitori, vale a Sassari ma pare valga anche con il Brotzu a Cagliari”.
In sintesi, lealtà con la Giunta non può significare nascondere le preoccupazioni dei cittadini o far finta che vada tutto bene, la riforma del sistema sanitario non poteva essere rinviata, ma la sua gestione richiede correttezza e mantenimento degli impegni: non si cancellano servizi prima che siano pronti quelli sostitutivi e i sacrifici vanno suddivisi tra territori e non sui “soliti”.

 

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Fondazione di Sardegna