SANITÀ, ARRU INCONTRA UNA DELEGAZIONE DI LAVORATORI DELL’IPAB DI PLOAGHE

L’assessore Luigi Arru ha incontrato, stamane, nella sede dell’Assessorato della sanità, una delegazione del sindacato Fsi di Ploaghe, che manifestava di fronte al palazzo del Consiglio regionale. Arru ha illustrato i passaggi ancora necessari per lo scioglimento dell’Ipab di Ploaghe e il successivo assorbimento dei lavoratori a tempo indeterminato nella Asl di Sassari. L’assessore ha aggiunto che non mancano criticità e ostacoli a questo passaggio e che l’assessorato ha fatto finora il possibile per risolvere la complicata situazione dell’Ipab, nell’interesse dei lavoratori e dei pazienti assistiti dalla struttura.

“La Asl di Sassari sta completando la ricognizione delle posizioni lavorative dei dipendenti che dovrà assorbire – ha spiegato Arru –, vogliamo fare tutti i passaggi con la massima trasparenza e certezza che stiamo operando in modo corretto. Contiamo di portare la delibera di scioglimento in Giunta la prossima settimana, quindi servirà la firma del decreto da parte del Presidente Pigliaru. Una volta definiti questi passaggi, attendiamo le risorse del fondo nazionale stanziate proprio in vista dell’estinzione di un Ipab e contiamo, con queste, di pagare un primo stipendio. Stiamo percorrendo tutte le strade consentite sotto l’aspetto giuridico-amministrativo, in una situazione finanziaria drammatica anche per le Asl. Quella di Sassari – ha sottolineato l’assessore – dovrà accollarsi anche il tfr di molti lavoratori, per il quale erano stati stanziati parte dei 25 milioni finanziati dal Consiglio regionale 4 anni fa e che sono stati, evidentemente, utilizzati per altro”. Chiudendo l’incontro, Arru ha chiesto ai lavoratori di avere ancora un po’ di pazienza: “siamo consapevoli delle difficoltà loro, di quelle delle loro famiglie e dei fornitori, ma dobbiamo fare tutti i passaggi in modo trasparente e legittimo, se vogliamo arrivare ad una soluzione definitiva di una vertenza che si trascina da troppo tempo”.

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Fondazione di Sardegna